Pendolaresimo

La vita è un viaggio quotidiano.

Ci sono i pendolari incazzati. Poi ci siamo noi. Milanesi mancati che per un motivo o per l’altro la mattina ci svegliamo prima dei colleghi, andiamo in stazione e poi prendiamo un treno. Poi magari anche la metro e l’autobus, o tutt’e due.

Ma lo facciamo senza pensieri. Perché la vita è un viaggio e noi abbiamo interpretato alla lettera il concetto.

Il paesaggio che scorre fuori dal finestrino è una ninna nanna, i volti assonnati una compagnia di giro che cambia volto ma non sostanza.

Il tempo passato sui sedili è tempo guadagnato, mai perso.

E’ momento di riflessione, di lavoro, di svago o di chiacchiera e spesso è l’unico davvero ‘nostro’ che abbiamo. Già, perché appena scesi da questa casa che corre su rotaia, la vita riprende frenetica e convulsa e non dà un attimo di tregua.

Una volta scesi da qui, tutto può succedere. Qui, invece, l’unica è aspettare.

Non crediate che questa pace dei sensi si raggiunga dopo quattro o cinque abbonamenti mensili. Io, per esempio, ci ho messo 16 anni di onorato pendolaresimo per raggiungere questa serenità viaggiante. Ma da quando la penso così, il mondo è d’improvviso più bello e più facile, e il momento del viaggio è diventato davvero una parte piacevole della mia giornata.

E’ da questa nuova consapevolezza che nasce questo blog.

Un luogo non-luogo, esattamente come quello dove passo più di due ore al giorno, dove proverò a condensare impressioni e ossessioni, racconti e aneddoti, pensieri e idee su un mondo che conosco bene.

Cercherò di evitare di parlare di scioperi, ritardi e polemiche. Non è questo lo scopo di ‘pendolaresimo’. Per gli articoli di denuncia c’è spazio altrove.

Qui si racconta di creatività e di viaggi quotidiani, di come vincere la noia e di come mettere a frutto il tempo di viaggio forzato.

Di compagni di treno bizzarri e di compagnie viaggianti. Di storie inventate fantasticando su una borsa, un cappello o una telefonata rubata.

Buon viaggio!

Trattoria della Gloria

UN PO’ OSTERIA…UN PO’ LOCANDA…MOLTO “TRATTORIA…DELLA GLORIA”!

Metti quattro amiche amanti della buona cucina che hanno deciso che al compleanno di ognuna, invece di farsi un regalo, vanno a cena fuori.

…che da quando hanno figli (uno e più a testa!) hanno molto bisogno di uscire…
…che una adora il cibo giapponese, l’altra il messicano, una (io) tutto e un’altra non ama il pesce…
…che tre di loro abitano in centro e solo una (io) in periferia….
…che trovare un posto e una data che vadano bene a tutte e quattro non è la cosa più semplice del mondo…

Metti che nel giorno in cui decidono di uscire, c’è il diluvio universale ma loro non si scoraggiano.

Metti che trovano un posto accogliente, intimo, non affollato e che mette d’accordo tutti i gusti tanto da poter iniziare con un antipasto (anzi…con una serie di antipasti!) condiviso prima del quale ti viene comunque offerta una piccola pizza fritta “sporcata” con della passata di pomodoro.

Sapori e profumi autunnali racchiusi nel tortino di zucca servito con formaggio di capra o nel crostone di paté e funghi porcini o ancora nel risotto al tartufo.
Verdure di stagione saltate come le faresti a casa e torte semplici e deliziose che potrebbe preparare la nonna.

Noi, per non sbagliare, abbiamo preso un consistente numero di piatti da provare con l’idea di tornare per una cena romantica con il proprio marito!

Trattoria della Gloria
Via Mario Pichi 5
Tel. 02 4547 4710

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

Cheesecake di frutta

Ingredienti e dosi per 8 persone:
200 g di biscotto
100 g di burro
30 ml di rum

10 g di colla di pesce
250 g di mascarpone
200 g di ricotta
200 ml di panna
150 g di zucchero a velo
Stecca di vaniglia
Buccia di limone

2 cestini di lamponi o fragole

Procedimento:
Frullare i biscotti con il burro morbido sino a renderlo fine.
Porlo in 8 bicchieri di vetro ben freddi oppure in una tortiera da circa 26 cm di diametro e foderata con pellicola. Pressare con cura e profumare con qualche goccia di rum.
Raffreddare in frigorifero per 15 minuti.
Ammollare la gelatina in acqua fredda per 15 minuti; scolarla, strizzarla e scioglierla in 50 ml di panna calda, mescolando.
Mescolare con energia il mascarpone con la ricotta e lo zucchero a velo; profumare con i semi di mezza stecca di vaniglia e la buccia grattugiata di mezzo limone.
Unire la gelatina sciolta nella panna e mescolare bene.
Montare la panna rimasta ed unirla delicatamente al composto.
Versare il composto sulla base di biscotto e porre in frigorifero per almeno 3 ore.
Al momento di servire completare con i lamponi. ( o fragole, amarene sciroppate, ciliegie denocciolate, pesche saltate in padella con zucchero e raffreddate, frullato di fichi o caki, ecc).

IL CHEESECAKE NON SI CUOCE

Paella

Ingredienti e dosi per 10 persone:
Riso bomba (o Carnaroli) g 700
Olio extravergine d’oliva ml 100
Cipolla tritata n 1
Spicchio d’aglio 1
Polpa di pomodoro a pezzi g 100
Peperoni arrostiti a pezzi 1
Peperoncino piccante 1
Piselli (taccole) g 100
Lonza di maiale a pezzetti g 200
Salsiccia a tocchetti g 200
Polpa di pollo a tocchetti g 200
Foglia di alloro 1
Zafferano
Brodo di carne l 2
Sale

Procedimento:
Rosolare le carni a fuoco vivace con un filo d’olio, aglio e peperoncino; salare. Conservare e deglassare la padella con un mestolo di acqua, in modo da realizzare del brodo semplice ma saporito.
Nell’apposita “paella in ferro” o in uno o due capaci padelle far rosolare con l’olio rimasto la cipolla tritata, la foglia d’alloro e il peperoncino.
Unire il riso e farlo tostare per un minuto, mescolando.
Unire i piselli e le carni, bagnare con la metà del brodo e la deglassatura della carne . Aggiungere lo zafferano.
Cuocere per circa 15 minuti, su piastra calda o diffusore piuttosto che su fornello.
Aggiungere tutti gli altri ingredienti e completare la cottura in modo che il riso risulti facilmente croccante e asciutto.
Servire.

Arancini di riso con ragu di verdure

Ingredienti per 4 persone:
Riso semifino Vialone nano g 300
Burro g 40
Cipolla tritata g 40
Vino bianco secco ml 40
Brodo vegetale l 1
Provola o mozzarella a cubetti g 100
Parmigiano grattugiato g 40
Sale, pepe

Cipolla, sedano, carote, zucchine, patate, fagiolini, piselli, zucca
ecc. a scelta e secondo stagione g 400

Olio extravergine ml 60
Farina 00 g 50
Uova 2
Pane grattugiato g 200

Olio per friggere l 1

Procedimento:
Tagliare a cubetti le verdure di stagione; cipolla, sedano, carote, zucchine, patate ecc.
Rosolare la cipolla con il sedano e la carota; bagnare con un mestolo di acqua, salare e cuocere per circa 10′. Saltare in padella le zucchine con un filo d’olio, sale e pepe.
Lessare le patate, i fagiolini a pezzetti, i piselli, o alltre verdure secondo stagione. Mescolarle insieme tutte le verdure e cuocerle con un mestolo di salsa di pomosdoro per 3′. Conservare.

Rosolare la cipolla con metà del burro a fuoco dolce.
Aggiungere il riso e tostare per 1 minuto circa.
Bagnare con il vino e lasciar evaporare. Bagnare con il brodo bollente e cuocere per 15 minuti circa. Mantecare con il poco burro rimasto, il parmigiano e metà della provola.
Stendere il risotto su un’ampia superficie e lasciar raffreddare.
aggiungere un uovo e mescolare.

Formare delle sfere e porvi al centro un cubetto di provola.
Passare gli arancini nella farina, nell’uovo sbattuto e nel pangrattato.

Friggere nell’olio caldo a 150° per 7/8 minuti circa.
Passare su un foglio di carta assorbente. Salare.
Servire gli o le arancine adagiandole su un paio di cucchiai di ragu di verdure.

Pollo al curry

Ingredienti per 4 persone:
Petto di pollo
Cipolla g 100
Mela verde 1
Burro g 20
latte di cocco ml 40
Vino bianco ml 40
Brodo di pollo ml 100
Olio di oliva ml 40
Sale, curry
Riso Venere g 200

Procedimento:
Cuocere il riso bollito; scolarlo e raffreddarlo. Conservare
Tagliare a cubetti il pollo.
Tritare la cipolla. Pulire e tagliare la mela a pezzetti.
Salare i cubetti di pollo e spolverarli con il curry olio.
Rosolare in padella con poco olio per 2′; estrarle e conservarle.
Unire poco burro e fare appassire la cipolla tritata; aggiungere i piccoli dadi di mela e lasciare insaporire.
Unire un cucchiaino di curry e farlo tostare leggermente, unire il pollo e bagnare con il vino bianco. Lasciarlo evaporare, aggiungere il brodo e il latte di cocco, salare e cuocere per 5′ con coperchio.
Servire con il riso ben caldo.

Interior Design Cafè

BEVI&COMPRA

Molto concept, tanto store: sono queste le due caratteristiche principali di quello che sta diventando uno dei nostri posti preferiti.

Si chiama Interior Design Cafe ed è in viale Coni Zugna, all’interno del negozio di arredamento di Walter Pisati: avete già capito?
Ebbene sì, tutto quello che c’è, è in vendita!

Mentre degustate un cocktail potete dare un’occhiata a quella sedia meravigliosa che starebbe proprio bene di fianco al mobile nell’angolo, a casa vostra. Detto, fatto: al termine della serata basta un gesto e sarà vostra!

Ma non vorrete rimanere senza cibo?
Ecco la proposta del locale (tutto della Pasticceria Clivati) , dolci in chiave salata e ottime focaccine ripiene.
Per i giorni di freddo ha anche un salottino separato molto carino e la nuova carta invernale, che prevede delle belle e buone cioccolate.

Interior Design Cafè
Via Arcangelo Ghisleri 1
Aperto tutti i giorni dalle 16 alle 24

http://www.valterpisati.it

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

BOOKBREAKFAST – Nella casa del pianista

Panzera Milano

CONSUMARE SMODATAMENTE

Una ricetta antica, una passione di famiglia per un lavoro di grande concretezza, un luogo da riscoprire: sono questi gli ingredienti di un luogo d’altri tempi, con la concretezza della contemporaneità.
Panzera è una pasticceria, ma è anche un palcoscenico con il laboratorio aperto sulla sala, da cui sbirciare i segreti dei pasticceri e assaporare fin dalla vista quello che potremo gustare col palato ad uno dei tavoli o al bancone.

Laura e Lorenzo hanno ridato linfa all’attività di famiglia, recuperando la storia e le attrezzature, le ricette del nonno e la sua sapienza, e trasformando il tutto in chiave attualissima.
Dalla colazione (con le brioche con mille ripieni golosissimi e un impasto da premio) all’aperitivo (che qui è in versione all’antica, con la pasticceria salata a farla da padrone, e gli ungheresi al formaggio che vi faranno letteralmente impazzire!) si passa attraverso tutti i momenti della giornata, compreso un pranzo leggero con i tramezzini preparati con il panettone gastronomico fatto in casa e farciture intriganti, i panini gourmet e le brioche salate che fanno gola al solo vederle.
Noi siamo letteralmente innamorate del monte bianco versione pasticcino: un autentico sgarro alla dieta di una bontà e bellezza inenarrabile. Consumare smodatamente..

Panzera Milano
Piazza Luigi di Savoia 1/9 (Stazione Centrale)
e
Viale Monte Santo 10

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets