Mozzarella in carrozza

Ingredienti e dosi per 4 persone:
8 fette di pane a cassetta
1 mozzarella
2 uova
4 foglie di basilico
poca farina bianca
olio extravergine d’oliva
sale

Procedimento:
Eliminare la crosta dalle fette di pane.
Affettare finemente la mozzarella e coprire con essa quattro fette di pane, evitando che il formaggio esca dal bordo.
Unire una foglia di basilico su ognuna, quindi sovrapporvi le altre fette di pane facendo una leggera pressione.
Versare in una tazza dell’acqua fredda e su un piatto un poco di farina, premere sulla farina i quattro bordi delle fette di pane tenendole strette fra le mani in modo che non si aprano, poi immergere i bordi nell’acqua fredda: si forma una specie di colla che impedisce alla mozzarella di fuoriuscire in fase di cottura.
Disporre il pane preparato in un piatto fondo abbastanza capiente.
Rompere in una tazza le uova, salarle, sbatterle con una forchetta e inzuppare completamente il pane: lasciarlo riposare 10 minuti e rigirare delicatamente le fette per far si che l’uovo venga assorbito da entrambe le fette; lasciare riposare per altro 10 minuti.
Porre sul fuoco una pentola con dell’olio e, quando questo sarà bollente, friggere il pane da entrambi i lati, circa 4 minuti ciascuno.
Una volta ben dorato da entrambe le parti, toglierlo dal fuoco e porlo su carta assorbente.
Servire ben caldo, in un tovagliolo, affettando a triangolo il panino.

Preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura: 10 minuti
Difficoltà
Media

Friggere
Croce e delizia. La frittura è un metodo di cottura da sempre considerato “poco sano”. E in effetti può esserlo, non solo per la quantità di olio assorbita dagli alimenti ma anche per la formazione di sostanze potenzialmente tossiche, come l’acroleina, se non prestiamo la dovuta attenzione. Primo accorgimento essenziale, dunque, la temperatura. 170/180°C la temperatura ideale per friggere gli alimenti, che devono essere completamente immersi nell’olio, sufficientemente caldo per permettere la formazione immediata della classica crosta croccante che, oltre a conferirgli sapore, garantisce un fritto più “leggero” (perché gli alimenti assorbono meno olio). Considerate che in genere gli alimenti fritti assorbono circa il 10% di olio del proprio peso di partenza ma che questa percentuale varia soprattutto in base alle dimensioni, alla pezzatura ed al tipo di alimento. L’olio maggiormente indicato anche per le fritture è l’extravergine d’oliva, stabile anche ad alte temperature per il suo punto di fumo relativamente alto, e ricco di sostanze protettive ad azione antiossidante. Anche quello di arachidi, ricco in polinsaturi, può essere  adeguato mentre assolutamente da evitare gli oli di semi vari, le margarine ed il burro. È infine opportuno evitare sempre di riutilizzare per successive fritture oli già cotti.

Lo sapevi che
Per friggere si utilizzano preferibilmente casseruole fonde con manico o con maniglie. La parete diritta trattiene meglio di quella svasata gli schizzi durante la cottura.
La casseruola con manico permette di mantenere una mano libera per girare e prelevare velocemente le preparazioni al termine della cottura. Molto utilizzato anche il wok che, grazie alla sua forma, consente di utilizzare una quantità limitata di olio.

friggere_ballarini_1 friggere_ballarini_2 friggere_ballarini_3

Nelle foto:
Casseruola fonda con manico cm.16 – Collezione Portofino
Casseruola fonda con maniglie cm.24 – collezione Salento
Wok con coperchio e griglia per fritti – collezione Gli Speciali

In breve:
– Per friggere si utilizzano preferibilmente casseruole fonde a parete dritta per trattenere meglio gli schizzi
– Il manico permette di mantenere una mano libera per girare e prelevare velocemente le preparazioni a cottura terminata
– Grazie alla sua forma consente di utilizzare una quantità limitata di olio
– 170°/180° è la temperatura ideale che garantisce un fritto più sano.
– Gli alimenti devono essere completamente immersi nell’olio per permettere la formazione immediata della crosta croccante su tutta la superficie impedendo all’alimento di assorbire olio in eccesso a garanzia di un fritto più leggero.
– L’olio maggiormente indicato è quello extravergine d’oliva ma anche quello di arachidi può essere adeguato. Da evitare oli di semi vari, margarine e burro.

Ballarini logo

Le ricette che vi proponiamo in questa rubrica sono a cura di unaricettalgiorno

Salva

Gattò robe e cucina

Vuoi un Gatto’?

L’accento può ingannare. Non parliamo di felini ma di un piatto tipico della tradizione napoletana, che a Milano ha una sua particolarissima interpretazione in un locale che è un po’ ristorante e un po’ negozio e che si farà amare al primo assaggio.
Immagina una serata perfetta. Fatto?
Noi sognamo un posto carino, magari con tavolini piccoli un po’ francesi, raggiungibile facilmente senza grossi problemi di parcheggio, in una zona vivace ma non iperaffollata.
Un luogo dove si fa una cucina semplice e gustosa, a prezzi abbordabili e con qualche delizia per chiudere la cena in dolcezza.
Il tutto, potendo tra un piatto e l’altro curiosare tra bijoux tintinnanti, vestitini fruscianti, ninnoli inutili ma tanto gradevoli e qualche accessorio trendy del quale non si può davvero fare a meno.

schermata-2016-09-08-alle-16-28-19

Ci serve altro?
Ah, sì…certo! Un uomo munito di carta di credito a cui far pagare il conto!

Via Castel Morrone, 10
Milano
tel. 02 70006870
www.gattomilano.com

 

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

Salva

Fusilli con zucchine e tonno

Ingredienti e dosi per 4 persone:
300 g di fusilli
200 g di tonno sott’olio
2 zucchine
1 dl di panna fresca
1 dl di olio extravergine d’oliva
60 g di parmigiano
sale

Procedimento:
Far scolare il tonno dall’olio di conservazione.
Affettare le zucchine e farle saltare in padella antiaderente con l’olio. Salare e pepare.
Aggiungere la panna e lo il tonno e continuare la cottura a fuoco dolce per 2-3 minuti.
Cuocere i fusilli in abbondante acqua salata, scolari e condirli con la salsa.
Servire.

Tempo di preparazione: 15 minuti
Indice di pigrizia: 1

Bollire/lessare
La bollitura consente di limitare molto l’utilizzo di grassi da condimento e di aromatizzare gli
alimenti con l’aggiunta di odori e spezie. Qualsiasi sia il tipo di pentola che utilizziamo, la
quantità di acqua necessaria per cuocere è sicuramente diversa anche a seconda del tipo di
alimento. Soprattutto per verdure e legumi, è importante utilizzare la minor quantità di acqua
possibile, per ridurre al minimo le perdite di vitamine e Sali minerali. Nessun problema per
zuppe o bolliti di carne o pesce: il brodo, infatti, viene normalmente utilizzato come
completamento di queste pietanze. Gli esperti distinguono la bollitura dalla lessatura, che vuol
dire cuocere un alimento in acqua solo quando questa ha quasi raggiunto la temperatura di
ebollizione (quindi circa 95°C, anziché 100°C)

Lo sapevi che
La dimensione della pentola varia in base alla destinazione d’uso: professionale o domestico. Nella ristorazione diametro e altezza sono pressoché identici, per contenere un maggior volume di liquidi.
Una pentola per uso domestico è leggermente più bassa rispetto al proprio diametro: mantiene un’ottima capienza, ma risulta più maneggevole e facile da stivare nella dispensa.

schermata-2016-09-16-alle-17-29-32 schermata-2016-09-16-alle-17-29-25

Nelle foto:
Pentola cm.24 con coperchio – collezione Portofino
Pentola cm. 24 – Serie 7000 Ballarini Professionale

In breve:
– La dimensione delle pentole varia da professionali a domestiche
– Nella ristorazione diametro e altezza sono identici per contenere maggiori liquidi
– Una pentola ad uso domestico è più bassa rispetto al diametro ma più maneggevole
– Bollire significa cuocere un alimento in acqua a 100°C
– La quantità d’acqua che utilizziamo differisce a seconda del tipo di alimento
– La bollitura consente di limitare l’utilizzo dei grassi

Ballarini logo

 

Le ricette che vi proponiamo in questa rubrica sono a cura di unaricettalgiorno

Marotin

Un angolo francese

La zona è defilata, ma di grande fascino.
I dintorni sono ricchi di spunti per uno shopping seriale.
E quindi una pausa raffinata in un luogo dal tocco francese è opportuna e consigliata.

Marotin è una delizia incastonata nei dintorni di corso XXII marzo, nella sonnacchiosa via Archimede.
Ed è qui che ci si può nascondere, cariche di pacchetti, per gustare un caffè ben accompagnato da tortine, biscotti o piccole delizie salate, a chiacchierare con l’amica del cuore sedute ad uno dei minuscoli tavolini in vetrina o nel più raccolto soppalco.

Bianco, vetro, legno e ferro battuto per un luogo da segnare nella mappa mentale e frequentare quanto più possibile, soprattutto all’ora di colazione dove secondo molti servono uno dei migliori cappuccini di Milano.

Vi aspettiamo lì domattina!

 

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

#BOOKBREAKFAST – Un libro sulle balene

//platform.instagram.com/en_US/embeds.js

#BOOKBREAKFAST – ECCOMI

 

Salva

Nocette d’agnello e melanzane

Ingredienti e dosi per 6 persone:
Un carrè d’agnello disossato
una melanzana violetta
un bicchiere di vino,
fondo bruno d’agnello
qualche foglia di menta
olio extravergine d’oliva
sale, pepe

Procedimento:
Tagliare a spicchi la melanzana parzialmente sbucciata; salare e far spurgare per un’ora, lavare e asciugare.
Cuocere in padella antiaderente, con poco olio extravergine, a fuoco medio sui diversi lati sino a renderla dorata e croccante, profumare con la menta. Salare e pepare a piacere.
Ricavare dal carré disossato due cilindri e cuocerli con un filo d’olio e uno spicchio d’aglio per 7/8 ‘, rigirandoli spesso. Conservarli in luogo caldo. Deglassare la padella con il vino rosso e far evaporare a due cucchiai sciropposi; unire il fondo bruno di agnello preparato con le ossa e far ridurre.
Tagliare i due cilindri in 3 parti e servirli con le melanzane e la salsa.

Cottura al salto
Per cuocere al salto è necessario aggiungere nella padella un minimo di sostanza grassa o liquida e alternare movimenti rotatori verticali e orizzontali. Si utilizzano forme e materiali diversi a seconda delle preparazioni. Una frittata, per esempio, richiede un bordo basso e una superficie ampia e antiaderente. Una padella svasata alta viene invece impiegata per saltare cibi di piccola pezzatura e per la finitura della pasta. L’alluminio è il materiale di cottura ideale: per natura è leggero, resistente ed è un ottimo conduttore di calore.

Lo sapevi che
La lunghezza del manico è rapportata al diametro dell’utensile per garantire la stabilità sul fornello e per rendere più semplice e meno faticoso il salto delle preparazioni.

padella_ballarini_2 padella_ballarini_1

Nelle foto:
Padella svasata alta cm.28 – Serie 6000 Ballarini Professionale
Padella svasata bassa cm.28 – Serie 2800 Ballarini Professionale

In breve:
– La lunghezza del manico è rapportata al diametro dell’utensile per garantire la stabilità sul fornello e per rendere più semplice il salto
– Le padelle a superficie ampia e a bordo basso ideali per ricette come la frittata
– La padella svasata alta è più indicata per saltare cibi di piccola pezzatura o per la finitura della pasta
– L’alluminio è il materiale ideale per leggerezza e conducibilità termica
– E’ necessario aggiungere un minimo di sostanza grassa o liquida
– Alternare movimenti rotatori verticali e orizzontali

Ballarini logo

 

Le ricette che vi proponiamo in questa rubrica sono a cura di unaricettalgiorno

Salva

Marghe pizza

MARGHE, E STOP

Non possiamo certo azzardarci a dire che sia la migliore di Milano, pena l’esclusione a vita dai circoli gastrofighetti che non prendono mai una posizione netta, ma per certo la pizza di Marghe se la gioca tra i primi posti in classifica e – a nostro modesto parere – sfida uscendone vincente le più acclamate insegne meneghine.

marghe_2

Due hipster al forno, ma di quelli bravi davvero, ragazze disponibili e a modo in sala: servizio da asporto e ai tavoli.
Menu corto e furbo, con qualche sfizio mentre si aspetta (poco) l’arrivo della protagonista assoluta del locale.
Una pizza ben lievitata, giustamente cedevole, riccamente condita e perfettamente cotta.

Che altro dirvi? Noi ci vediamo lì.
Tra mattoni a vista, lampade vintage e bei sorrisi.

E il dessert più godurioso della storia dei dolci: un rotolone di pasta della pizza ripieno di crema al cioccolato.
Da gustare dividendolo a fette, in attesa della seconda porzione.

Marghe
Via Cadore 26
mar – dom 12-15 e 19,30 – 12,00
Tel 02 5411 8711

 

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

Salva