La Griglia di Varrone

TU, IO E UNA SERATA CARNIVORA

Il pane di Grazioli realizzato con lievito madre e farine del molino marino.
Le uova e i salumi di Parisi.
Le carni di nero dei Nebrodi di Agostini.
I crudi di Joselito, la Rubia Gallega e il Balck Angus.
Il culatello e gli emiliani dell’Antica corte Pallavicina.
La pasta Verrigni e Martelli, il riso Acquerello.
Gran parte della cantina selezionata da Dan Lerner.

Se questi nomi non vi dicono nulla, non siete dei foodies gourmet, quindi non potete capire.

Ma se volete fare bella figura in società, imparateli a memoria ma soprattutto andate ad assaggiare tutto il menu della Griglia di Varrone, un  locale che è spesso meta di pellegrinaggio di esperti di gastronomia e non solo.
Perché qui trovate davvero il meglio del meglio della produzione italiana e qualche chicca internazionale che meritano la visita, il ritorno e l’appuntamento fisso.

Massimo Minutelli è qui per voi, e con un viso vivace e occhi pieni di luce vi racconta di come nel 2006 ha mollato tutto per dedicarsi ad un sogno, nato a Lucca, sviluppato a Pisa e che ha nel locale di Milano la sua punta di diamante.
Tutto nel ristorante ruota intorno ad una splendida griglia a vista, costruita a mano e alimentata a legna di quercia. E intorno al vostro insaziabile desiderio di una serata carnivora!

La Griglia di Varrone
Via A. di Tocqueville 7
Tel. 02 36798388

Gli indirizzi milanesi di questa rubrica sono a cura di Milanosecrets

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...